PIATTI VEGETARIANI A CHILOMETRO ZERO IN CORSO MAGENTA. LA MIA RECENSIONE SUL A TAVOLA DEL CORRIERE DELLA SERA

A Tavola

Prima colazione, pranzo e merende vegani e vegetariani. Da Verdi’s (corso Magenta angolo via Nirone 2, tel. 02.89.09.10.55), risto-shop artigianale ideato da Silvia Maltoni, la linea guida è il wellness food, basato su menu stagionali, dal riso Venere con pesto estivo pomodorini secchi e mandorle, alle tartare vegane con fiori di zucca e tofu e all’insalata con stracciatella di burrata. Tutto arriva da piccoli produttori di Lombardia. Da bere birra artigianale o vini da Oltrepò, Mantovano e Franciacorta. Oltre a succhi di frutta e verdura e alla versione italiana del mojito, il Verdito. Piatti tra i 5 e gli 8 euro.

DA BASTIANICH A CHEF RUBIO: I FINALISTI AL BANCARELLA CUCINA

ROMA – Giuseppino-Da New York all’Italia: storia del mio ritorno a casa (Utet) di Joe Bastianich e Sara Porro, Unti e bisunti (Sperling & Kupfer) di Chef Rubio, XXL 50 piatti che hanno allargato la mia vita (Mondadori) di Paolo Marchi, Storia della cucina italiana (Tommasi) di Alberto Capatti, Mangiato bene (Salani) di Roberta Schira e Il genio del gusto (Garzanti) di Alessandro Marzo Magno. Sono i libri vincitori del 10° premio selezione Bancarella della Cucina 2015. Il vincitore assoluto verrà proclamato a Pontremoli, in Piazza della Repubblica,venerdì alle 16, al termine dello spoglio pubblico delle schede pervenute al notaio. Nelle prossime settimane, i 70 librai associati voteranno, con scheda segreta il loro candidato alla vittoria finale.

MARZIO MAGNO IN FINALE AL BANCARELLA CUCINA 2015

PONTREMOLI C’è anche il veneziano Alessandro Marzo Magno, con il libro “Il genio del gusto” edito da Garzanti tra i vincitori del premio selezione “Bancarella della Cucina 2015”. Con lui, “Da New York all’Italia: storia del mio ritorno a casa” (Utet) di Joe Bastianich e Sara Porro, “Unti e bisunti” (Sperling & Kupfer) di Chef Rubio, “XXL 50 piatti che hanno allargato la mia vita” (Mondadori) di Paolo Marchi, “Storia della cucina italiana” (Guido Tommasi Editore) di Alberto Capatti, “Mangiato bene” (Salani) di Roberta Schira. Il vincitore assoluto verrà proclamato a Pontremoli il 18 ottobre, al termine dello spoglio pubblico delle schede pervenute al notaio. Saranno i settanta librai delle Associazioni Unione Librai Pontremolesi e Unione Librai delle Bancarelle e i dieci componenti del gruppo di esperti dal mondo della gastronomia a scegliere il vincitore assoluto. “Il genio del gusto” racconta la storia della cucina italiana ben lontana daltanto osannato chilometro zero, ma semmai costruita nei secoli a forza di contaminazioni. Sfata molti luoghi comuni (senza risparmiare pizza e spaghetti) e conferma la verve dello scrittore e giornalista veneziano, che sa trasformare in piacevole lettura anche gli esiti di una lunga e puntigliosa rice

FINO ALL’ULTIMO PASTICCINO. A PALAZZO DELLE STELLINE «SWEETY» SCHIERA I 25 PIU’ IMPORTANTI ARTIGIANI ITALIANI

«Il mio sogno per Milano era di farla diventare per due giorni la più grande pasticceria del mondo». Il sogno si è avverato e sabato e domenica il Palazzo delle Stelline farà da scenografia alla prima edizione di «Sweety». È soddisfatta Carla Icardi – architetto di formazione e direttrice di «Grande Cucina» – alla vigilia della rassegna che metterà insieme i 25 più importanti pasticceri italiani. Mentre la tv ci ha abituato alle gare, alle torte scenografiche spesso immangiabili, al cake design più ordinario, in Italia un gruppo di pasticceri artigianali si sta rafforzando, e unendosi ha dato vita a una nuova generazione di professionisti.«Le lezioni di pasticceria – continua Icardi – sono spesso dedicate agli addetti di settore o ad agguerritissime sweet blogger. Noi ci rivolgiamo al pubblico più ampio, alle famiglie e ai tanti appassionati, curiosi di vedere dal vivo come sono preparati i loro dessert preferiti». Ed ecco il milanese Davide Comaschi della pasticceria Martesana, ultimo campione mondiale dei cioccolatieri, preparare in diretta la pralina che lo ha reso famoso; l’autorevole maestro bresciano Iginio Massari, invece, mostrerà vari modi per preparare una Saint-Honoré tradizionale e le sue varianti. C’è anche Denis Buosi, creatore di delizie design e mago del microonde; inoltre «il cuoco nero» Maurizio Santin, Attilio Servi da Roma, Luca Montersino, Salvatore de Riso dalla Costiera Amalfitana alle prese con la sua celebre «delizia al limone» e tanti altri. I dessert più famosi si potranno assaggiare alla fine della lezione e le specialità proposte negli stand sono in vendita. Sweety of Milano è anche on air, con la radio ufficiale RTL 102.5, che tutti i giorni trasmetterà alle 11.50 mini interviste con i protagonisti. Chi non è interessato a frequentare lezioni, ma è semplicemente goloso, a Sweety può acquistare i dessert dei propri beniamini visti in tv con uno sconto del 30%. Per la Lombardia, oltre a Davide Comaschi e Denis Buosi, si esibisce Alessandro Servida con i suoi rigogliosi «eclairs». Appuntamento sabato (dalle 10 alle 18) e domenica (dalle 10 alle 17) in corso Magenta 61. L’ingresso costa 6 euro, biglietti su www.sweetyofmilano.com; masterclass fino a esaurimento posti.

A BRUGHERIO VERA CUCINA EMILIANA E CONTO MIRACOLOSO. LA MIA RECENSIONE SU A TAVOLA DEL CORRIERE DELLA SERA

A Tavola

Il caso Tilde e Raul (Brugherio, viale Lombardia 295, tel. 039.88.3169) metterebbe in crisi ogni critico: svelare ai lettori una grande scoperta o tenere segreto il prezioso indirizzo? Vince il senso del dovere. Autentica cucina di stampo emiliano, con tanto di sfoglia tirata a mano dalla Tilde. Ne escono tagliatelle, lasagne, cannelloni, gnocco fritto. Non sono da meno per bontà salumi superbi, costine di maiale, spalla cotta, le crostate di frutta. Nulla di scritto, il figlio Raul vi spiegherà tutto a voce: è sempre lì, la trattoria non chiude mai. Ultimo miracolo il conto: raramente supera 20 euro.

LE SCHIRIADI – IL PADIGLIONE SVIZZERA

Ecco la decima delle 15 puntate di circa 7 minuti per raccontavi il meglio e il peggio di Expo. L’ho visitato, assaggiato, e filmato per voi e ve lo svelo attraverso quelli che secondo me sono i padiglioni più originali, più in tema, più gourmet, più gustosi: una visita guidata saporita e sorprendente al sito espositivo che il mondo intero ci invidia. Queste sono“Le Schiriadi”, il nuovo format prodotto da Anfiteatro Entertainment, che ho avuto l’onore di condurre ed ideare con la regia di Federico Colomo, in prima assoluta sul canale Foodmadeinitaly di Blasting News.

http://it.blastingnews.com/cucina-ricette/2015/09/video/expo-2015-padiglione-svizzera-come-quando-e-perche-visitarlo-00701565.html

 

 

 

LE SCHIRIADI – IN CUCINA CON ANDREA RIBALDONE

Ecco la nona delle 15 puntate di circa 7 minuti per raccontavi il meglio e il peggio di Expo. L’ho visitato, assaggiato, e filmato per voi e ve lo svelo attraverso quelli che secondo me sono i padiglioni più originali, più in tema, più gourmet, più gustosi: una visita guidata saporita e sorprendente al sito espositivo che il mondo intero ci invidia. Queste sono“Le Schiriadi”, il nuovo format prodotto da Anfiteatro Entertainment, che ho avuto l’onore di condurre ed ideare con la regia di Federico Colomo, in prima assoluta sul canale Foodmadeinitaly di Blasting News.

 

http://it.blastingnews.com/cucina-ricette/2015/08/video/expo-2015-in-cucina-con-andrea-ribaldone-00689371.html

BANCARELLA DELLA CUCINA: I FINALISTI

COMPIE 10 ANNI il «Bancarella della Cucina», dedicato alla letteratura enogastronomica. Dietro i fornelli ci vogliono gusto e cultura per esaltare il sapore dei piatti e allora il libro diventa il mediatore ideale per fare da guida tra pentole e padelle. I volumi finalisti selezionati dal collegio degli elettori per questa edizione sono «Giuseppino» di Joe Bastianich e Sara Porro (Utet), «Unti e bisunti» di Chef Rubio (Sperling & Kupfer),«XXL. 50 piatti che hanno allargato la mia vita» di Paolo Marchi (Mondadori), «Storia della cucina italiana» di Alberto Capatti (Guido Tommasi), «Mangiato bene» di Roberta Schira (Salani), «Il genio del gusto» di Alessandro Marzo Magno (Garzanti). Saranno 70 librai delle associazioni Unione Librai Pontremolesi e Unione Librai delle Bancarelle assieme a 10 esperti di gastronomia a decretare il vincitore domenica 18 ottobre alla 16 in Piazza della Repubblica. La cultura della tavola fa scuola col Bancarella della Cucina: libri e gastronomia diventano una coppia vincente per assaporare pienamente sempre nuove emozioni in cui gola e racconto trovano una piacevole sintesi. Tra i finalisti c’è anche uno dei big di MasterChef, Jo Bastianich, che narra il suo percorso di restaurant man di grande successo. Affascinante anche il viaggio nell’Italia dello street food, nel cibo delle tradizioni italiane dello chef Rubio, alias Gabriele Rubini, nelle pagine racconta le esperienze della sua fortunata trasmissione televisiva. Cè anche la storia della cucina tricolore di Alberto Capatti: il rapporto tra gli italiani e il cibo dai maccheroni di Sordi ai giorni nostri, seguito da un libro che elenca le 7 regole per mangiar bene di Roberta Schira, abituata alle finali di questo premio. Emozionante anche il racconto delle esperienze, tra cibo e convivialità di Paolo Marchi, un protagonista delle storie di gola: in primo piano le 50 ricette che hanno contribuito ad allargare il giro vita dell’autore. Infine il giornalista Alessandro Marzo Magno nel suo «Il genio del gusto« ripercorre le storie di innovazione e coraggio in cucina. Dal carpaccio creato da Giuseppe Cipriani, fondatore dell’Harry’s Bar a Venezia, alla Nutella inventata dalla Ferrero nel 1964. Il presidente della Fondazione Città del Libro Gianni Tarantola sottolinea la qualità e la quantità delle opere pervenute: «E’ segno che il premio sta interessando sempre più gli editori che pubblicano opere dedicate alla cultura gastronomica, un importante veicolo per una sempre più corretta interpretazione della civiltà della tavola».

PREMIO BANCARELLA DELLA CUCINA 2015: MANGIATO BENE? LE 7 REGOLE PER RICONOSCERE LA BUONA CUCINA

Mangiato bene? Le 7 regole per riconoscere la buona cucina “, edito da Salani, ti darà tutte le risposte che cerchi. Proprio per questo è uno dei sei candidati al premio Bancarella della Cucina 2015.

Tutti oggi danno voti e giudizi a ricette, menu, chef e ristoranti; le guide gastronomiche non bastano più. Ma in questo universo di foodies, gourmet e recensionisti selvaggi, di chi ci si può fidare?

LE SCHIRIADI – LA PIZZA: COS’E’, COME E’ FATTA E COME SI MANGIA

Ecco l’ottava delle 15 puntate di circa 7 minuti per raccontavi il meglio e il peggio di Expo. L’ho visitato, assaggiato, e filmato per voi e ve lo svelo attraverso quelli che secondo me sono i padiglioni più originali, più in tema, più gourmet, più gustosi: una visita guidata saporita e sorprendente al sito espositivo che il mondo intero ci invidia. Queste sono “Le Schiriadi”, il nuovo format prodotto da Anfiteatro Entertainment, che ho avuto l’onore di condurre ed ideare con la regia di Federico Colomo, in prima assoluta sul canale Foodmadeinitaly di Blasting News.

 

http://it.blastingnews.com/cucina-ricette/2015/08/video/pizza-cos-e-come-e-fatta-e-come-si-mangia-00672435.html